To all the friends of Fish & Olive

On Monday the 11th of May is the 20th anniversary of Fish & Olive in Halki, Naxos, Greece.

We were planning several events to celebrate this happy day but unfortunately, many of our friends from abroad will not be able to join us because of the current restrictions on travel and on gatherings. We must all take care of ourselves and others during these difficult times.

We had also planned to produce a special illustrated book recording the progress of Fish & Olive from our very first days until now, when Fish & Olive has become a well-regarded brand internationally while retaining its strong local identity here in Halki, Naxos. The book will be dedicated to Mrs. Niki Goulandris who was a great friend and patron of Fish & Olive and who officially opened our gallery in the year 2006.

In light of the current situation, we have decided to publish the book in 2021, but until then, as a celebration of our 20th anniversary, we post this beautiful poster which will be available as a collectible item signed by Katharina and Alex and which can be ordered online.

We would like to extend our thanks to all our friends, here in Greece and abroad and to the collectors around the world who have played such a big part in our success and development.

We include below an article by the travel writer, Des Hannigan, who has observed our development in Halki from its very beginning.

FISH & OLIVE

La prima volta che sono entrato nel villaggio di Halki, sull’isola greca di Naxos, ho avuto un brivido di eccitazione che, per uno scrittore di viaggi in cerca di autenticità, è gioia pura. Accadde molti anni fa, in una tarda serata di primavera egea.

Dai recessi delle facciate in marmo delle case in stile veneziano nella minuscola piazza del paesino, abbandonate da tempo, si levava il richiamo dei giovani assioli. Qui non c’era alcuna traccia evidente di turismo, nulla che richiamasse vistosamente l’attenzione. In giro non c’era nessuno. La famosa distilleria Vallindras, simbolo costante della storica lavorazione del kitron a Halki, per quella sera aveva già chiuso i battenti.

E al centro di tutto, una luce: la porta aperta di una galleria d’arte che all’epoca si chiamava L’Olivier. Esponeva le opere della ceramista Katharina Bolesch e di suo marito Alexander Reichardt, artista i cui gioielli e dipinti dedicati alla fauna marina si sarebbero ben presto uniti all’olivo, motivo preferito da Katharina, sotto il nome Fish & Olive. Per me fu un momento significativo, l’inizio di una lunga relazione con Naxos e Halki e con le opere di questi due artisti notevolissimi; il loro originale stile cicladico e la loro iconografia della terra e del mare hanno dato vita a una vera ‘Arte dell’Egeo’.

Nel corso del tempo, l’arte di Katharina Bolesch e Alexander Reichardt si è fatta più sofisticata e stilisticamente definita senza sacrificare la libertà della sua bellezza. La coppia è rimasta con le radici in Halki, e la loro vita è sempre stata allineata con la comunità del luogo e con il benessere del villaggio. Katharina Bolesch è tanto greca quanto può esserlo una non-greca. Ha un legame profondo con Naxos: qui trascorreva le estati della sua infanzia, e qui ha lavorato per trent’anni, immersa nella vita e nella cultura dell’isola. Anche Alexander ha trascorso gran parte della sua vita in giro per il Mediterraneo; suo padre era un accademico perdutamente innamorato dei classici e della vita nel Mediterraneo. La lunga esperienza di Alexander come subacqueo e il suo stretto rapporto con i Cousteau Divers e Pierre-Yves Cousteau hanno arricchito di una bellezza unica le sue interpretazioni del mondo marino.

Katharina e Alexander continuano a vivere e lavorare ad Halki, un segno di dedizione e amore per questo luogo che non si sono affievoliti nonostante la reputazione degli artisti sia in continua crescita a livello internazionale. Col tempo hanno ampliato Fish & Olive aggiungendo la galleria-laboratorio che si trova a due passi dal negozio, tuttora molto frequentato. Parte dell’edificio, un tempo in rovina, era un antico corpo di guardia. La ristrutturazione ha così salvato un elemento chiave della storia di Halki.

Per molti anni Alexander e Katharina hanno affinato le loro abilità fino a raggiungere un livello notevole. Le loro immagini uniscono rappresentazione e impressionismo, soprattutto nei lavori di Alex, mentre quelli di Katharina restano strettamente legati alla tradizione ceramista e si fanno sempre più raffinati e intriganti.

L’aumento della fama internazionale del lavoro di Fish & Olive mi sembrò del tutto prevedibile quando, tanti anni fa, entrai in Halki nel crepuscolo vellutato della Tragea, l’alto bacino montuoso di Naxos. Questo paesino minuscolo è ancora la vetrina più bella per le opere di Fish & Olive, universali ma profondamente cicladiche. Io abito in uno dei grandi centri artistici del mondo, nella Cornovaglia Occidentale in cui famosi movimenti artistici hanno portato un avamposto della Tate Gallery nella città di St Ives. Sono uno scrittore, non un critico né un appassionato d’arte, ma ho imparato a riconoscere l’arte che unisce ispirazione e bellezza. Le opere di Fish & Olive vivono e respirano nel cuore della Grecia egea, prova vivente che il genius loci è spesso lo stimolo alla creatività, specie se gli artisti coinvolti sono anche artigiani straordinari come Katharina Bolesch e Alexander Reichardt.

Des Hannigan: scrittore di viaggi e giornalista

ESPOSIZIONI E BIOGRAFIE

Oltre che in Grecia, i lavori di Fish & Olive Creations sono apprezzati in tutto il mondo. Le ceramiche di Katharina Bolesch sono state esposte all’Accademia di Atene durante le Olimpiadi del 2004 e alle Nazioni Unite a New York. Nel 2007, al Museo del Design (iittala Group, Arabia Museum) di Helsinki si è tenuta una grande mostra delle sue opere.

Il lavoro di Alexander ha forti legami con il Museo di Storia naturale Goulandris di Atene. Le opere di Fish & Olive hanno rappresentato la Grecia al National Art Center di Tokyo, e molte altre si trovano in collezioni private e case di tutto il mondo.

I lavori di Fish & Olive sono stati esposti per la prima volta in Inghilterra nel 2017, nella cornice ideale del grande acquario The Deep di Hull nell’anno in cui è stata Città della Cultura del Regno Unito. Alexander Reichardt è un esperto subacqueo, membro a vita dei famosi Cousteau Divers e grande amico di Pierre Yves Cousteau, che è stato ospite d’onore all’inaugurazione della mostra a The Deep in cui si rendeva merito alla campagna di Cousteau per la conservazione dei mari.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *